• 24 Aprile 2024 2:47

FriuliTv Networking

FriuliTv, MediaEuropa Channel, Carnia WebTv

L’inaugurazione 

Terza inaugurazione per il Cluster Legno Arredo Casa FVG, che alle Platform delle Tecnologie per il Mobile di Brugnera e dell’Imbottito di Udine ha aggiunto, oggi a Manzano, la “Innovation Platform Eco-design e Sostenibilità”, sviluppata grazie all’importante intervento del socio Banca 360 FVG, che ha fortemente creduto all’iniziativa proposta.

Ospitata in un immobile della banca, sapientemente ristrutturato dallo Studio GeZa che ha curato la progettazione, l’area è ampia oltre 600 mq ed è collegata alla sede del Cluster attraverso il parco di Villa Tavagnacco.

Erano presenti all’inaugurazione Luca Occhialini, Presidente Banca 360 FVG, Piero Furlani, Sindaco del Comune di Manzano, Matteo Tonon, Presidente Cluster Legno Arredo FVG, Stefano Gri, Studio GeZa, e Sergio Emidio Bini, Assessore regionale FVG alle attività produttive e turismo.

Rete di eccellenza e innovazione: le Platform di Brugnera, Udine e Manzano 

La Platform di Manzano si inserisce in un percorso di valorizzazione del settore legno arredo e mobile avviato con l’istituzione del progetto “Innovation Platform”, che prevedeva fin dalla sua pianificazione, tre anni fa, la costituzione di un network di laboratori tematici in grado di proporre innovazione, qualità e comunicazione di un comparto di eccellenza. Grazie alla partecipazione attiva delle imprese del nord-est e alla collaborazione con Federlegno Arredo e altri importanti partner regionali, sono già operative e consolidate la Innovation Platform di Brugnera, dedicata alla digitalizzazione dei processi produttivi e addestramento su macchinari 4.0 per il mobile e pannello, e la Platform dell’imbottito di Udine presso Casa dell’Immacolata, sviluppata per diffondere le conoscenze su tessuti e pelli utilizzati nei processi produttivi delle aziende del settore e per formare i nuovi maestri del made in Italy. Con la terza Platform, il Cluster prosegue così l’impegno a supporto delle imprese del territorio, affinché anche le aziende di qualsiasi dimensione e provenienza possano scoprire delle best practice nei principi di sostenibilità ed ecodesign per implementarli nei propri processi produttivi.  

Occhialini: “Una banca di comunità che sa recepire le istanze del territorio” 

“La mission di BancaTer è sempre stata quella di essere un irrinunciabile punto di riferimento del territorio. E deve esserlo a maggior ragione oggi, che siamo diventati Banca 360 FVG, un istituto di credito che intende avere a cuore ogni singola comunità locale in cui opera con 59 sportelli e oltre 400 dipendenti”, ha ricordato il presidente Luca Occhialini.

“Siamo consci che dobbiamo dimostrare la massima vicinanza alle istanze economiche e del sistema produttivo Fvg – ha aggiunto – ma il nostro modo originale e straordinario di fare banca, che privilegia efficienza ed efficacia per le imprese e le famiglie, deve continuare nel contempo a garantire risposte adeguate primariamente alle istanze sociali”.

Occhialini ha poi ricordato che “l’evento odierno rappresenta una sorta di promessa mantenuta nei confronti della comunità di Manzano, alla quale era stata garantita, all’epoca della fusione con Basiliano, la valorizzazione della propria sede bancaria storica”.

“Un omaggio doveroso – ha precisato – al mezzo secolo precedente di virtuoso credito cooperativo. Per questa ragione, non ci poteva essere una collocazione migliore per il Cluster del legno, vero paradigma di un territorio operoso e di una comunità geniale nel saper produrre in questo settore, divenendo il fulcro del cosiddetto “Sistema Casa Fvg”.

La valorizzazione dell’immobile si inserisce in un più ampio progetto di rilancio del centro di Manzano a cura del Comune e non riguarderà, dunque, soltanto Villa Tavagnacco e la ex sede della Всс.

A tal proposito, il presidente di Banca 360 FVG ha voluto ringraziare il Cluster Legno Arredo, il Comune di Manzano e il vice presidente dell’istituto di credito, Silvano Zamò, che ha seguito in prima persona liter del progetto e la sua concretizzazione, avvenuta anche grazie alle preziose intuizioni progettuali dello studio di architettura GeZa.

Tonon: “Punto di riferimento per scoprire l’ecodesign e i biomateriali specifici per l’arredo” 

“Questa piattaforma di innovazione sarà un luogo di condivisione delle conoscenze e diffusione di best practice sulla sostenibilità e l’eco-design, nonché di sviluppo di reti tra produttori, aziende, designer – ha commentato il presidente del Cluster Matteo Tonon -. Fruibile da tutti gli stakeholder, nella prospettiva di attrarre e generare valore dedicando gli spazi a workshop internazionali, percorsi di confronto e valutazione dei risultati, approfondimenti, conferenze, eventi ed esposizioni tematiche sulle frontiere più innovative di materiali e prodotti d’arredo vocati alla sostenibilità”. Per lavorare in maggiore sinergia sui temi cardine della Platform, l’ufficio Certificazioni e sostenibilità del Cluster sarà ospitato all’interno della struttura. “L’obiettivo – ha proseguito Tonon – è quello di creare un punto di riferimento, innovativo e divulgativo dei molteplici know-how afferenti in modo trasversale al settore”.

Bini: “Strutture imprescindibili per l’alta formazione” 

“Le Innovation Platform sono strutture a disposizione dell’intero territorio, con l’obiettivo di rispondere alla prioritaria esigenza di formazione e addestramento degli studenti e del personale delle imprese del settore legno, arredo e sistema casa – le parole dell’assessore regionale alle attività produttive Sergio Emidio Bini -. Dopo le piattaforme di Brugnera e di Udine, ora le imprese potranno contare su un valido punto di riferimento per affrontare la sfida della sostenibilità, nel design e nei processi produttivi. Per questo un plauso dev’essere rivolto al Cluster Legno Arredo Casa e a Banca 360 FVG, che ha messo a disposizione gli spazi, impegnandosi anche nella valorizzazione della propria sede di Manzano. La storia di questo territorio e più in generale quella

di tutto Friuli Venezia Giulia sono legate a doppio filo al settore dell’arredo-mobile, che rappresenta uno dei comparti trainanti dell’economia del Nordest. L’amministrazione regionale, anche attraverso il lavoro del Cluster, continuerà a garantire il sostegno a questo importante asset per lo sviluppo e la crescita del tessuto produttivo”.