• 23 Giugno 2024 13:11

FriuliTv Networking

FriuliTv, MediaEuropa Channel, Carnia WebTv

TARVISIO. COMMEMORATI I CARABINIERI TRUCIDATI DAI PARTIGIANI FILO TITINI A MALGA BALA.

A Tarvisio (UD) i Carabinieri hanno commemorato, in forma semplice, il 79° anniversario dell’eccidio dei 12 Carabinieri, decorati di Medaglia d’Oro al Merito Civile “alla memoria”, trucidati a Malga Bala (ora Slovenia) nel 1944.
La cerimonia commemorativa, a cui hanno presenziato il Comandante della Legione Carabinieri “Friuli Venezia Giulia”, Gen. B. Francesco ATZENI, i parenti dei Caduti, la dottoressa Sandra CAVALIERI, in rappresentanza del Prefetto di Udine, il Sindaco di Tarvisio Renzo ZANETTE, l’Ispettore Regionale “FVG” dell’Associazione Nazionale Carabinieri, il Delegato interregionale dell’Associazione Nazionale Forestali, nonché i delegati della rappresentanza militare, delle associazioni professionali a carattere sindacale, oltre ai 4 Comandanti Provinciali della regione e ad una rappresentanza di Carabinieri della Legione, ha avuto inizio con la celebrazione della Santa Messa presso la Chiesa “Santi Pietro e Paolo”, officiata dal Parroco di Tarvisio e dal Cappellano Militare della Legione Carabinieri “Friuli Venezia Giulia”.
Dopo la funzione religiosa, accompagnata dalle voci del coro della Sezione dell’Associazione Nazionale Carabinieri di Trieste, sono stati resi gli Onori ai Caduti con le note del Silenzio e la deposizione di una corona d’alloro all’interno del Tempietto Ossario che custodisce le spoglie di 7 dei 12 Carabinieri trucidati.
La ricostruzione del fatto rivela che la sera del 23 marzo 1944 due militari dell’Arma del Distaccamento fisso a protezione della centrale idroelettrica di Bretto di Sotto, si erano recati in paese, venendo aggrediti sulla strada del ritorno da due partigiani, mentre degli altri circondavano la caserma e vi facevano irruzione armi in pugno. Il commando partigiano e i 12 carabinieri catturati, costretti a portare a spalla tutto il materiale trafugato dal presidio, si incamminavano lungo un percorso boscoso in salita, per giungere nella distante Malga Bala.
Il tragitto veniva intervallato da rare soste, di cui l’ultima la sera del 24 marzo, presso una stalla dell’altipiano di Logje (853 m s.l.m.), all’interno della quale venne loro somministrato un minestrone con l’aggiunta di soda caustica, cagionando gravi sofferenze.
La mattina successiva (25 marzo) i prigionieri percorrevano l’ultimo tratto di strada che li separava dal luogo dell’eccidio, un casolare sito su un pianoro, Malga Bala appunto, dove i 12 Carabinieri venivano barbaramente uccisi.