• 27 Maggio 2024 6:16

FriuliTv Networking

FriuliTv, MediaEuropa Channel, Carnia WebTv

CONSORZIO BONIFICA PIANURA FRIULANA GRANDINATE e PIOGGE Un LUGLIO piovosissimo Non serve irrigare, spenti gli impianti di pompaggio DANNI ai mezzi del Consorzio e alla sede di Mortegliano

DiRedazione

Lug 31, 2023 #Cronaca

LE GRANDINATE

Il mese di luglio, con precipitazioni decisamente sopra la media degli ultimi 30 anni, tra i più piovosi degli ultimi tempi, sarà purtroppo ricordato per i gravissimi danni, su vaste porzioni del territorio regionale, conseguenti alle grandinate e alle raffiche di vento che si sono verificate tra il 24 ed il 25 luglio. A riportare gravi danni, in corso di quantificazione, sono stati anche alcuni mezzi consortili, nonché la sede operativa di Mortegliano.

LE PIOGGE

La piovosità di luglio ha quasi ovunque compensato la minore piovosità rispetto alla media dei precedenti mesi dell’anno. Secondo l’osservatorio del Consorzio di Bonifica Pianura Friulana, che si concentra su alcuni punti di monitoraggio ubicati nel bacino montano del Tagliamento e nel proprio comprensorio, a luglio ha piovuto ovunque più della media, andando da un +64% di Enemonzo (264 mm a luglio 2023, contro i 161 mm della media e i 68 mm del 2022) ad un +125% di Udine (252 mm a luglio 2023, contro i 112 mm della media e i 10 mm del 2022), per arrivare ad un +154% di Palazzolo dello Stella (191 mm a luglio 2023, contro i 75 mm della media e i 50 mm del 2022). Analizzando le piogge cumulate dal 1° gennaio al 30 luglio, solamente presso la stazione di Enemonzo il dato è ancora leggermente sotto la media (-10%, 968 mm rispetto a 872 mm del 2023), mentre nelle altre stazioni monitorate ovunque il dato complessivo è sopra la media (Udine +6% con 802 mm rispetto a 754 mm, Cervignano +18% con 736 mm rispetto a 625 mm, Palazzolo dello Stella +24% con 701 mm rispetto a 564 mm).

IL TAGLIAMENTO

Le piogge di luglio hanno mitigato il deficit di precipitazioni nell’area montana; ne ha beneficiato anche il fiume Tagliamento, che ha avuto un regime di portate ordinario per la stagione, ed i rilasci dei bacini montani sono stati limitati sia per portata che per durataIl livello degli invasi montani è sopra la media, e ciò costituisce una garanzia nel caso in cui si rendesse nuovamente necessaria l’integrazione delle portate del Tagliamento tramite il serbatoio dell’Ambiesta, ipotesi peraltro abbastanza remota viste le attuali previsioni meteorologiche e i fabbisogni irrigui nella pianura in calo nelle prossime settimane.

 

LE FALDE

Le rilevazioni settimanali delle falde forniscono indicazioni sul trend in atto. Nella pianura udinese occidentale (Lestizza e Beano) a fine luglio si riscontra un leggero recupero dei livelli, seppur inferiori anche al 2022 e alle medie del periodo. Nel comparto centrale (Mortegliano e Bicinicco) i livelli sono inferiori alla media, ma comunque migliori rispetto al 2022 (rispettivamente di 47 e 76 cm). Nel Cividalese si conferma il trend registrato nelle ultime settimane, con dati in deciso miglioramento rispetto al 2022. I livelli aumentati di oltre 4 m consentono di affrontare con moderato ottimismo la conclusione della stagione irrigua.

L’IRRIGAZIONE

Le esigenze irrigue nel comprensorio, grazie alle piogge delle ultime settimane, sono del tutto trascurabili e gli impianti di pompaggio sono stati spenti. A causa dei danni alle colture in alcune zone il servizio irriguo sarà ridotto, anche se potrebbero essere seminate colture a ciclo breve (es. mais cinquantino) che potrebbero necessitare dell’irrigazione anche a settembre, prolungando il periodo di funzionamento degli impianti.