• 27 Maggio 2024 11:27

FriuliTv Networking

FriuliTv, MediaEuropa Channel, Carnia WebTv

FONDAZIONE AGRIFOOD E BIOECONOMY FVG. OTTO TAVOLI DI LAVORO PER L’AGRICOLTURA DEL FUTURO

“L’avvio dei tavoli di confronto con i diversi gruppi di lavoro nell’ambito della Fondazione Agrifood&Bioeconomy è molto importante poiché serve a definire le linee strategiche sulle quali focalizzare l’attività della stessa Fondazione già nell’immediato futuro. Nei focus di confronto che proseguiranno è necessario tenere in considerazione le nuove attività e le innovazioni presenti a livello generale, ma cercando di selezionare quelle che possono avere una reale e adeguata ricaduta sull’economia del comparto agroalimentare della nostra regione”.

Lo ha detto l’assessore regionale alle Risorse agroalimentari Stefano Zannier che oggi ha partecipato al “battesimo” del primo degli otto gruppi di lavoro istituiti dalla Fondazione Agrifood & Bioeconomy del Friuli Venezia Giulia. La discussione e il confronto avviato ha l’obiettivo di progettare l’agricoltura del futuro sviluppando ulteriormente il confronto e il dialogo tra le aziende del territorio con le Università regionali e il mondo scientifico.

“Solo così – ha aggiunto l’assessore – le aziende del comparto agroalimentare potranno cogliere nuove opportunità che favoriscono la transizione economica in atto e potranno puntare a uno sviluppo sempre più sostenibile”.

Si tratta di un format di analisi, confronto ed elaborazione – è emerso dall’incontro al quale ha partecipato anche il presidente della Fondazione, Claudio Filipizzi – di proposte per il settore agroalimentare e della bioeconomia che coinvolge non solo gli stakeholder istituzionali (università, centri di ricerca e associazioni di categoria), ma anche le singole aziende che hanno chiesto di aderire alla Fondazione. Oggi nella sede di Colloredo di Monte Albano, si è tenuta così la riunione d’avvio del primo gruppo di lavoro “Innovation to Business”.

Gli altri “pool di lavoro” riguardano la viticoltura, la frutticoltura, la nutraceutica, le filiere cerealicole e i prodotti da forno tradizionali, le piccole produzioni locali, il marchio “Io Sono Fvg” e, infine, il gruppo dedicato alla formazione.