• 24 Aprile 2024 1:50

FriuliTv Networking

FriuliTv, MediaEuropa Channel, Carnia WebTv

ROTATORIA IPPLIS/SPESSA LUNGO LA SR 356. STUDIO DI FATTIBILITA’ PER EVITARE GLI ALLAGAMENTI

“Realizzeremo un primo studio di fattibilità tecnico ed economico per opere di regimazione delle acque assieme a Fvg Strade e ai due Comuni interessati, Cividale del Friuli e Premariacco, per evitare che le aziende agricole e i terreni lungo la strada di competenza regionale 356 vadano sott’acqua. In questo modo daremo risposte ad un territorio che per conformità e in occasione di precipitazioni piovose particolarmente intense, è soggetto ad allagamenti”. Lo ha comunicato l’assessore regionale alle Infrastrutture e Territorio Cristina Amirante, durante un sopralluogo per verificare lo stato di avanzamento dei lavori della rotatoria di Ipplis, iniziati a metà maggio dello scorso anno. L’intervento si completerà a febbraio, entro i termini previsti, con alcune finiture da realizzare entro il mese di aprile per essere inaugurata a maggio. “Daremo continuità all’opera di messa in sicurezza idraulica con un intervento di regimazione delle acque per evitare che le aziende agricole e i terreni lungo la strada regionale 356 finiscano sott’acqua. In questa zona – ha spiegato Amirante – il territorio presenta differenze di quote e nei punti più bassi, in cui insistono le aziende agricole, si allaga. I fossi di guardia non sono più sufficienti ad assorbire l’acqua; diventa quindi necessario un primo studio di fattibilità per capire come intervenire e i costi per arrivare, poi, ad uno stanziamento con cui realizzare i lavori”. “Le opere stradali sul territorio assolvono anche ad altre funzioni – ha commentato Amirante – fra cui la messa in sicurezza e l’incremento della capacità e della resilienza di un territorio di far fronte ai cambiamenti climatici; riuscire ad imprimere un’accelerazione su lavori che possano incidere su una migliore qualità della vita risulta quindi fondamentale. Si tratta di un lavoro sinergico che facciamo come direzione Infrastrutture, assieme a Fvg Strade in questo caso, con il coinvolgimento delle Direzioni regionali alla Difesa dell’ambiente e alle Risorse agricole”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *