• 23 Giugno 2024 19:53

FriuliTv Networking

FriuliTv, MediaEuropa Channel, Carnia WebTv

ACCOLTELLAMENTO MORTALE A UDINE.

DiRedazione

Gen 1, 2024 #Cronaca

Un uomo, di 31 anni, Ezechiele Mendoza Gutierrez cittadino italiano di origine dominicana, è stato ucciso con un taglio alla gola causato da un coltello o da una bottiglia rotta. È accaduto stamani al termine di una festa di Capodanno. L’allarme alle forze dell’ordine è scattato attorno alle 8 dopo una richiesta di aiuto per una persona ferita, nei pressi di un locale privato in via dei Prati a Udine.
Sono giunte numerose pattuglie dei carabinieri del comando provinciale che stanno tentando di ricostruire con esattezza la dinamica dei fatti. I militari dell’Arma stanno cercando l’aggressore. La vittima è stata trasferita d’urgenza all’ospedale del capoluogo friulano dove è deceduta poco dopo.

(Nella foto la vittima Ezechiele Mendoza Gutierrez)

I carabinieri hanno fermato un cittadino dominicano, sospettato di essere l’omicida di un uomo di 31 anni, cittadino italiano e di origine a sua volta dominicana, all’esterno di un locale da ballo a Udine, dopo il veglione di Capodanno.

L’uomo è stato bloccato vicino al confine con l’Austria ed è stato portato in caserma.

Il Procuratore di Udine Massimo Lia ha fatto sapere che nell’inchiesta si procede per il reato di omicidio volontario.  Per quanto riguarda l’uomo sospettato di essere l’omicida, i carabinieri hanno tenuto sotto controllo una abitazione alla periferia di Udine con personale specializzato per tutta la giornata, considerando l’ipotesi che lì l’uomo avrebbe potuto nascondersi, o comunque che avrebbe potuto passarvi.

Secondo una prima ricostruzione degli investigatori, il 31enne sarebbe stato colpito alla gola al culmine di una lite, con un coltello o con una bottiglia rotta. La vittima è stata immediatamente soccorsa e portata in ospedale dove era giunto in condizioni gravissime. Un paio di ore dopo il ricovero è morto per l’aggravarsi delle condizioni.

Il locale vicino al quale è avvenuto l’omicidio era stato chiuso in più occasioni, in passato, proprio per gravi motivi di ordine e sicurezza pubblica. L’ultimo provvedimento era stato assunto circa un anno fa, su disposizione del Questore, in applicazione dell’art 100 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza: c’era stata la sospensione per quindici giorni della licenza di somministrazione e di pubblico spettacolo (attività danzante) del locale in seguito a grave rissa che si era scatenata nel mese di novembre 2022. A determinare il provvedimento erano stati sia i numerosi episodi violenti che si erano verificati in quel periodo, sia la recidiva, considerando anche precedenti eventi, di rilievo anche penale, che hanno interessato gli avventori del locale stesso nel corso del 2017 e del 2020 e che avevano portato l’autorità di pubblica sicurezza a emettere altri due analoghi provvedimenti sospensivi dell’attività.