• 21 Giugno 2024 17:07

FriuliTv Networking

FriuliTv, MediaEuropa Channel, Carnia WebTv

MONFALCONE CITTA’ DELLO SPORT.

Monfalcone città dello sport: “abbiamo lavorato molto per riqualificare la nostra città. Entro il 2026 ben cinque strutture saranno rinnovate o, come nel caso di Largo Isonzo, addirittura create. Grazie all’impegno nostro e dei tecnici nel partecipare ai bandi e nel reperire risorse, Monfalcone indossa di anno in anno un abito più bello con l’obiettivo ultimo di dare risposte e opportunità ai cittadini”, così il sindaco Anna Maria Cisint.
Continuano i lavori di riqualificazione del Palazzetto Paliaga: in primavera agibili i nuovi spogliatoi, completate le facciate esterne, l’adeguamento antincendio e la modifica delle vie di esodo. “Un blocco di lavori necessario perché, con la promozione alla serie superiore della nostra Falconstar, bisognava adeguare l’impianto alle normative previste per ospitare le partite del campionato nazionale”, le parole del sindaco Cisint.
Per adeguare la struttura alle vigenti normative di settore, recentemente sono stati eseguiti interventi che hanno consentito di garantire una capienza di 400 spettatori, uno spazio laterale tra campo di gioco e panchine superiore a 2,50 m, un illuminamento medio del campo da gioco pari a 1000 lux ed è stato realizzato un soppalco da destinare alle riprese tv delle partite. In fase di conclusione la realizzazione del nuovo blocco di servizi igienici presso l’ingresso più a sud destinato all’area del pubblico “ospiti”, che consentirà anche di ricavare all’interno dell’area una zona deposito e di migliorare i percorsi di sicurezza per l’esodo degli spettatori verso l’uscita est.
Ancora, due nuovi spogliatoi con relativi servizi igienici e accesso indipendente, che si aggiungono ai due già esistenti, al fine di soddisfare il requisito dei 4 spogliatoi necessario alle strutture che ospitano tra i 201 e 1000 spettatori.
I lavori per i servizi igienici destinati al pubblico e la zona deposito valgono 38.098 euro, quelli per la costruzione dei nuovi spogliatoi con relativi servizi igienici e accesso indipendente 297.488 euro, cui si sommano i 27.092 euro di adeguamento dei sottoservizi.
Rinnovo completo degli spogliatoi per il campo di via Boito, “per consentire il normale svolgimento della stagione – spiega Cisint – i lavori inizieranno a fine maggio, a stagione stagione conclusa, e termineranno durante l’estate”. Ricevuto nei giorni scorsi il nulla osta dei Vigili del Fuoco e approvato il certificato di regolare esecuzione, l’intervento verrà effettuato grazie al contributo PNRR relativo alla “Rivoluzione verde e transizione ecologica” che ha assegnato al Comune di Monfalcone 130.000 euro per ciascuna delle annualità 2022 e 2023 – fondi che hanno già consentito di intervenire con l’efficientamento energetico della palestra Paliaga.
Affidati alla ditta Dri Elio e figli S.r.l i lavori di efficientamento energetico dell’impianto sportivo per quanto riguarda il blocco degli spogliatoi, per un importo complessivo di 117.994,90 euro. Prevista l’installazione di nuove  bussole d’ingresso da ricavarsi all’interno dei locali adibiti a spogliatoio attraverso modifiche alle tramezzature interne, la sostituzione dei serramenti e del generatore di calore con altro ad alto rendimento.
Procedono spediti i lavori per il Centro Sportivo Integrato, la prima palestra ‘senza barriere’ in Regione: concluse nelle scorse settimane le demolizioni, è ora in corso il montaggio delle pareti interne. Sono in fase di realizzazione i due lotti funzionali: i lavori termineranno entro settembre 2024, per un investimento di 628.000 di fondi del Comune di Monfalcone e uno da € 1.600.000, di cui €1.528.000 finanziati dal contributo PNRR.
La struttura “ha due punti forti: l’accessibilità e l’efficienza energetica – spiega l’assessore allo sport Fabio Banello – la distribuzione interna degli spazi è pensata con particolare attenzione alle persone con disabilità. Una progettazione attenta anche all’ambiente, sia per quanto concerne il risparmio energetico sia perché abbiamo scelto di trasformare un edificio già esistente in un moderno Centro Sportivo Integrato, consentendone la rivalutazione, dopo decenni di inutilizzo, senza il consumo di nuovo suolo”. Ancora, un’area di accoglienza ed informazione per il pubblico, con annesso ufficio per la gestione della struttura, uno spazio ristoro, gli spogliatoi e un locale per il primo soccorso. Particolarmente innovativa la configurazione degli spazi distributivi, che prevede la realizzazione di due dorsali parallele adiacenti alle uscite che servono da accesso diretto a tutte le aree funzionali, riducendo in tal quindi la lunghezza di tutti i percorsi. La palestra, oltre a garantire lo spazio adeguato per attività a corpo libero, come ginnastica o danza, sarà attrezzata per il basket, il calcio a 5, il goalball, le bocce, il torball e il tiro con l’arco. L’immobile comprende un corpo circolare, all’interno del quale potranno essere praticate arti marziali e arrampicata.
Largo Isonzo a servizio delle scuole: approvato il progetto esecutivo della nuova area esterna sportiva attrezzata. Lunedì la scadenza del bando per l’affidamento dei lavori. 920 metri quadri tra via Natisone e via Isonzo che verranno adibiti ad area sportiva polifunzionale esterna, per un valore di 800 mila euro. I fondi regionali, ottenuti grazie ad un bando cui il Comune ha partecipato e vinto, porteranno alla realizzazione di diverse aree accessibili e fruibili per bambini e ragazzi di tutte le età.  Lo spazio ospiterà un’ area in ghiaino per le manifestazioni e gli eventi all’aperto con annessi servizi igienici e deposito attrezzature, un impianto di illuminazione dei percorsi e delle aree attrezzate – compresa un’illuminazione a proiettori del campo di calcio per l’utilizzo anche in notturno -, un campo di calcio a 5 in erba sintetica,  un campo polifunzionale da basket e pallavolo pavimentato in asfalto,  un’ampia area verde libera da ingombri per la didattica all’aperto e un’area attrezzata per il gioco all’aperto con pavimentazione in gomma colata anti-trauma e attrezzata con giochi inclusivi realizzati in materiali conformi ai CAM – Criteri Ambientali Minimi – adatti a diverse fasce di età. Il tutto sarà collegato da un sistema di percorsi a diversi livelli, garantendo la completa accessibilità all’area sia ai disabili motori che ai mezzi di soccorso e manutenzione e fungendo al tempo stesso da connessione del tessuto urbano circostante. Ancora, l’area sarà illuminata ed è già dotata di videosorveglianza, vista l’elevata presenza soprattutto nelle ore solari nella bella stagione, “consentendo il presidio e la sicurezza della zona”, spiega il Sindaco. Grande importanza al verde con la piantumazione di 31 alberi, tutti antipolline, tra querce e aceri che creeranno zone d’ombra e di filtro a protezione delle residenze circostanti.
Degni di nota pure i servizi igienici, composti da uno scatolare in acciaio e attrezzati per persone con disabilità.
38 mila euro 979 dalla Regione per il Palasport di via Rossini. Il finanziamento, assegnato al gestore dell’impianto – “A.S.D. Non solo calcio” -, consentirà di migliorare l’efficientamento energetico dell’impianto e di creare un ambiente più accogliente e funzionale per praticare attività sportiva.
L’intervento prevede la revisione dell’impianto di illuminazione e la sostituzione delle lampadine con fari al LED più performanti sia in termini di intensità di luce, la sostituzione delle protezioni anti-urto per le panchine degli atlet, la sostituzione delle tende del campo da gioco principale con pellicole solari, la tinteggiatura generale, la sostituzione degli accessori bagno degli spogliatoi, la revisione dei collegamenti elettrici del sistema di riciclo di aria e la sistemazione della sala pesi.